Il falso valutativo tra voluntas e ratio legis

Accounting

  1. Introduzione

Il 31 marzo 2016, in esito a decisione camera di consiglio, la Suprema Corte di Cassazione ha dato risposta affermativo al quesito posto con l’ordinanza del 2 marzo [1], con la quale veniva richiesto ai giudici di piazza Cavour di rispondere “se, ai fini della configurabilità del delitto di false comunicazioni sociali, abbia tuttora rilevanza il falso ‘valutativo’ pur dopo la riforma di cui alla legge n. 69 del 2015 [2]”.

In particolare, nell’informazione provvisoria si afferma, con conclusioni conformi del Procuratore generale, che “sussiste il delitto di false comunicazioni sociali, con riguardo alla esposizione o alla omissione di fatti oggetto di “valutazione”, se, in presenza di criteri di valutazione normativamente fissati o di criteri tecnici generalmente accettati, l’agente da tali criteri si discosti consapevolmente e senza darne adeguata informazione giustificativa, in modo concretamente idoneo ad indurre in errore i destinatari delle comunicazioni”.

Per meglio comprendere la portata della decisione de quo, è opportuno ripercorrere brevemente le tappe nell’evoluzione del falso valutativo e della sua punibilità, approfondendo, nei limiti del presente intervento, gli ultimi arresti giurisprudenziali in materia.

  1. Breve cronistoria del dettato normativo [3]

Le modifiche della norma sanzionatrice del falso in bilancio hanno il pregio di fornire non solo un dato meramente storico, ma di apportare altresì dati fondamentali sul versante ermeneutico, potendo l’interprete attraverso di esse ricostruire la ratio immanente alle differenti formulazioni.

Sin a partire dal codice di commercio Zanardelli del 1882, al quale sul punto aderì sostanzialmente la L. 669 del 1931, si decise di ritenere punibili i “fatti falsi” apposti in bilancio.

A tale locuzione seguì quella di “fatti non rispondenti al vero” di cui al codice civile del 1942 e, sessant’anni dopo, “fatti materiali non rispondenti al vero ancorché oggetto di valutazione”, introdotta dalla l. n. 61 del 2002 [4], passandosi, in tal modo, da un diritto penale del pericolo alla sanzione dei comportamenti dannosi in concreto [5].

Si è sottolineato [6], in tema, come il legislatore abbia avvertito la necessità di non espungere dal testo le poste valutative, atteso che tale operazione avrebbe comportato una sostanziale abrogazione del reato, poiché il bilancio si compone, in maggior parte, proprio di esse [7].

Da ultimo, con gli articoli da 9 a 11 della L. 69 del 2015 si è deciso, nel riformare l’intera disciplina del falso in bilancio, di elidere il riferimento alle valutazioni, riformulando gli artt. 2621 e 2622 cod. civ. e giungendo all’espressione “fatti materiali rilevanti non rispondenti al vero” [8].

Sulla scelta del legislatore e sulle conseguenze di essa sull’area applicativa delle norme menzionate si è aperto un acceso dibattito in dottrina, che ha visto contrapporsi coloro che negavano portata innovativa della caducazione del sintagma e quelli che, al contrario, vi leggevano un’espressa volontà di restringere il novero delle condotte di rilevanza penale.

Ad esso si è accompagnata, coeva, una certa ambiguità della Suprema Corte, il cui orientamento, come si vedrà, ha subito un andamento alquanto altalenante [9].

  1. Il dibattito in dottrina….

Il “pomo della discordia” riposa non tanto, o per lo meno non solo, nella mancata inclusione delle valutazioni quali possibili condotte punibili, ma piuttosto nel rapporto epistemologico [10] di queste con i “fatti”, ossia l’apparente paradosso fra la necessità di ancorare il falso a dati oggettivi e l’ineludibile presenza di una componente estimativa del bilancio.

Al riguardo, seppur una parte della dottrina [11] ha proposto un’interpretazione molto restrittiva del termine “fatti” sin ad escludendo dagli stessi le valutazioni, si è rivelata di gran lunga prevalente l’opinione di coloro che hanno ritenuto che queste vi rientrino [12].

Vale sin da subito distinguere gli enunciati valutativi da quelli meramente descrittivi: mentre questi ultimi si limitano ad esprimere la realtà di fatto quale essa appare ex se e sono suscettibili di rispondere unicamente a criteri di vero o falso, i primi contengono un quid pluris, una ineliminabile componente soggettiva, consistente nel giudizio prognostico risultante dall’applicazione di criteri fissi, siano essi obiettivi o meno.

Pacifica l’esclusione delle valutazioni meramente soggettive dall’area del penalmente rilevante [13], ci si è interrogati circa le stime dei bilanci formate in applicazione di strumenti tecnico-scientifici oggettivamente apprezzabili.

Al fine di dare soluzione a tale quesito, è risultato necessario fornire in prima battuta chiarimenti circa l’attributo “materiali”, ovverosia se esso si ponga in contrasto con il concetto stesso di “valutazione”.

Due gli argomenti individuati da parte della dottrina, vigente la disciplina del 2002, a sostegno della tesi contraria: in primis, la congiunzione “ancorché” ha evidente senso concessivo, e non avversativo, significando che i fatti materiali sono ricompresi nell’area operativa della norma anche se essi siano stati oggetto di valutazioni.

In secundis, la previsione di soglie quantitative di punibilità, stabilite al 10%, sotto le quali le valutazioni non vanno considerate penalmente illecite: se ne deduce, per argomento a contrario, che quelle superiori alla soglia non si sottraggano ad un giudizio di disvalore.

In tal senso, la formula “ancorché oggetto di valutazioni” è pertanto funzionale ad esplicitare l’operatività della sanzione, da cui non possono essere in alcun modo esentati i giudizi estimativi.

Si è portato ad esempio [14] la formulazione del reato di omicidio nei seguenti termini: “chiunque cagiona la morte di un uomo ancorché anziano e malato”.

È di palmare evidenza che l’elisione del riferimento ai soggetti anziani e malati non muti in alcuna sua parte l’ambito dell’illecito in parola, risultando questo una semplice specificazione o, al più, un chiarimento della formula generale.

Analogamente, l’inciso in tema di false valutazioni in nulla modifica il reale ambito applicativo degli artt. 2621 e 2622 cod. civ. e, in ossequio a tale impostazione ermeneutica, va ritenuta priva di effetti la caducazione operata dalla L. 69/2015.

Allo stesso modo si può dire che l’attributo “materiali” abbia meramente la funzione di esiliare dall’ambito di rilevanza penale le valutazioni di natura soggettiva [15], ossia i giudizi prognostici che non si attagliano a criteri scientifici od oggettivi.

Né si può invocare a supporto della tesi contraria la sopravvivenza della formula di cui all’art. 2638 cod. civ., da molti indicata a dimostrazione della volontà del legislatore di separare nettamente i destini delle due previsioni normative.

  1. ….e in giurisprudenza

Sul versante giurisprudenziale, la sorte del falso valutativo ha vissuto stagioni contrastanti, attestandosi la V sezione della Corte di Cassazione ora sull’una, ora sull’altra posizione ermeneutica.

Nell’immediatezza dell’entrata in vigore della L. 69/2015, la Cassazione aveva sostenuto, con la sentenza 33774/15 (ricorrente Crespi) [16], la tesi della non punibilità del falso valutativo, stabilendo che “il dato testuale e il confronto con la previgente formulazione degli artt. 2621 e 2622, […] in una disarmonia con il diritto penale tributario e con l’art. 2638 cod. civ., sono elementi indicativi della reale volontà legislativa di far venir meno la punibilità dei falsi valutativi”.

A fondamento di tale affermazione [17], la Corte argomentava che l’attributo “materiali”, in uno con l’omissione del riferimento alle valutazioni, fosse volto a circoscrivere l’oggetto della condotta attiva, in analogia a quanto operato con la L. 154 del 1991 in relazione al reato di frode fiscale di cui all’art. 4 lett. f) della L. 516 del 1982.

Con specifico riguardo al mantenimento, all’art. 2638 cod. civ., del riferimento alle valutazioni, la Corte affermava che “una lettura ancorata al canone interpretativo “ubi lex voluit dixit, ubi noluit tacuit” non può trascurare la circostanza dell’inserimento di modifiche normative in un sistema che riguarda la rilevanza penale delle attività societarie con una non giustificata differenziazione dell’estensione della condotta tipizzata in paralleli ambiti operativi, quali sono quelli degli articoli 2621 e 2622 cod. civ., da una parte, e art. 2638 cod. civ, dall’altra, norme che, sebbene tutelino beni giuridici diversi, sono tutte finalizzate a sanzionare la frode nell’adempimento dei doveri informativi”.

Tuttavia, rinnegando l’immediato precedente [18], la Suprema Corte ha ribaltato la propria posizione con la sentenza 890/2015 [19] (ricorrente Giovagnoli), affermando la sussistenza della rilevanza penale del falso valutativo [20].

Nelle motivazioni in diritto i giudici di piazza Cavour negano la fondatezza delle lagnanze del ricorrente (fra le quali il richiamo alla sentenza “Crespi”), statuendo in primis l’irrilevanza della sussistenza effettiva di crediti, se questi, inesigibili in concreto, avessero ricevuto una falsa rappresentazione nei bilanci di esercizio. Viene difatti evidenziato che ciò che assume consistenza è piuttosto la “inveritiera esposizione delle componenti positive di reddito, in uno ad altri “artifici” contabili, […] finalizzata a consentire alla società di continuare ad offrire […] una falsa, rassicurante, rappresentazione della situazione patrimoniale e finanziaria” [21].

Sullo specifico punto della rilevanza, sul versante sostanziale, dell’espunzione dei fatti valutativi, la Cassazione, preso atto del dettato di cui all’art. 12 preleggi, ritiene doversi ricorrere, oltre al canone letterale, a quelli logico-sistematico e teleologico [22].

Dal punto di vista testuale, censurato lo “scarso tecnicismo” legislativo (e l’irrilevanza della volontà del “legislatore di turno” a fronte del significato “storicizzato” della norma), si afferma non sia revocabile in dubbio come la rimozione della formula “ancorché oggetto di valutazioni” non “possa, di per sé, assumere alcuna rilevanza decisiva”, stante il valore concessivo della congiunzione “ancorché”, con funzione “ancillare, meramente esplicativa e chiarificatrice del nucleo sostanziale della proposizione principale”.

Tale precisazione, a parere della Suprema Corte, è, difatti, assolutamente opportuna, “onde fugare possibili dubbi (agitati in sede interpretativa) che nei fatti materiali” siano da ricomprendersi “anche quelli oggetto di valutazione”.

In conclusione, “la proposizione concessiva ha […] funzione prettamente esegetica e, di certo, non additiva, di talché la sua soppressione nulla può aggiungere o togliere al contesto semantico di riferimento”.

Come spiegarsi dunque l’intervento legislativo?

Esso sarebbe, in ossequio alla motivazione della sentenza, un intervento di semplice alleggerimento del “precipitato normativo”, il cui scopo sarebbe stato quello di espungere una precisazione “reputata superflua”, “mera superfetazione linguistica”.

Nell’iter argomentativo della V sezione, l’analisi logico-sistematica non fa che corroborare la tesi dell’ininfluenza dell’elisione.

In primo luogo, i termini “materiali” e “rilevanti” devono trovare la loro corretta origine nella “trasposizione letterale di formule lessicali in uso nelle scienze economiche anglo-americane e, soprattutto, nella legislazione comunitaria”, e vanno considerati termini “squisitamente tecnici e non comuni” [23]. La loro lettura secondo la comune accezione condurrebbe, pertanto, ad un “macroscopico errore di prospettiva”.

Sul punto, la Cassazione si dilunga nel corretto inquadramento di ciascuno dei lemmi menzionati, conducendo un’approfondita ricognizione delle origini e delle precipue caratteristiche di entrambi, concludendo che “materiale” vada assunto a sinonimo di “essenzialità” quale criterio guida nella redazione del bilancio, “dovendo trovare ingresso [in quest’ultimo] – ed essere valutati – solo dati informativi essenziali ai fini dell’informazione, restandone fuori tutti i profili marginali”.

“Rilevante”, invece, è termine “di stretta derivazione dal lessico della normativa comunitaria” (art. 2, punto 16, della Direttiva 2013/34/UE), assumendo rilevanza l’informazione “quando la sua omissione o errata indicazione potrebbe ragionevolmente influenzare le decisioni prese dagli utilizzatori sulla base del bilancio dell’impresa”.

È pertanto “rilevante” il dato informativo che, in rapporto alle singole voci e nel contesto dell’insieme di esse, non è fuorviante. Il medesimo, quale criterio per il giudice nella determinazione del coefficiente di significatività, permette poi di ovviare alla soppressione, con l’intervento del 2015, delle soglie di punibilità.

Si riscopre dunque il reale valore della materialità e rilevanza dei fatti economici che, “lungi dal costituire ridondante endiade”, trovano la loro precipua funzione nell’essere criteri di redazione del bilancio quale corretto veicolo informativo.

La Suprema Corte passa poi ad evidenziare come, in tale prospettiva, il lemma “fatto” non possa e non debba essere degradato al significato che esso ha nel linguaggio comune (“fatto/evento del mondo fenomenico”) ma quale – nell’accezione tecnica – dato informativo della realtà che “i bilanci e le altre comunicazioni, obbligatorie per legge, sono destinati a proiettare all’esterno”. La scelta del legislatore di non utilizzare il più immediato termine “informazione” si spiega, secondo questa lettura, con la necessità di assicurare, attraverso la maggiore flessibilità che la nozione di “fatto” può assicurare in relazione alle altre comunicazioni, oltre al solo bilancio.

Ma giungendo al punto di maggior interesse, la Cassazione rimarca innanzitutto come il falso non possa in alcun modo riferirsi ai fatti, poiché questi, ontologicamente, rilevano solo nell’alternativa fra esistenza o non esistenza, mentre esso vada propriamente riferito alla rappresentazione che dei fatti è data.

La Suprema Corte passa poi al peculiare caso della falsa rappresentazione di fatti oggetto di valutazione, evidenziando come il bilancio sia in maggior parte composto di “enunciati estimativi o valutativi, frutto di operazione concettuale consistente nell’assegnazione a determinate componenti (positive o negative) di un valore, espresso in grandezza numerica”.

È quindi opinione della Cassazione che possa configurarsi come falso punibile – in analogia alla materia del falso ideologico [24] – l’elusione dei criteri “predeterminati dalla legge [positivamente determinati dalla disciplina civilistica] ovvero da prassi universalmente accettate” con i quali la rappresentazione valutativa debba parametrarsi o, alternativamente, con “l’applicazione di metodiche di metodiche diverse da quelle espressamente dichiarate”, conducendo entrambe le condotte alla discordanza dal “vero legale”.

Dopo un ulteriore revirement della tesi opposta [25], in gran parte aderendo alle argomentazioni proposte dalla sentenza Crespi, è intervenuta, come si è già detto, l’ordinanza delle SS.UU. del 2 marzo 2016, n. 676 [26], la quale ha definitivamente consacrato l’orientamento favorevole a riconoscere la punibilità del falso valutativo, smentendo l’ipotesi restrittiva.

  1. Conclusioni

Come è stato sottolineato [27], è illusorio escludere la rilevanza penale delle valutazioni sulla base dell’evoluzione del dato letterale: è di immediata evidenza come tale affermazione trovi un momento di frizione con l’essenza stessa del bilancio, in cui l’aspetto estimativo assume, fisiologicamente, primazia.

L’aspetto numerico, infatti, in quanto rappresentativo degli accadimenti nella vita dell’impresa, è in gran parte refrattario ad essere descritto in termini oggettivi, assumendo altresì primaria importanza la componente estimativa, attraverso l’applicazione, in seno all’organo redattore del bilancio, di criteri contabili.

Ma l’attribuzione del valore economico a “fatti”, considerata la polifunzionalità del bilancio e l’opinabilità delle cifre ivi iscritte, presenta caratteri di notevole incertezza [28]: è qui dunque che entra in gioco la ratio della norma, ossia la garanzia che il patrimonio societario venga correttamente rappresentato, eliminando “l’asimmetria informativa” [29], ai soggetti che con la società abbiano un rapporto patrimoniale o intendano averlo, id est i soci ed il “pubblico” (i creditori ed i terzi che vi abbiano un qualche interesse, quali ad es. i finanziatori).

Questa funzione di tutela può essere garantita solo dalla trasparenza – fairness – della pubblicità della situazione economica, finanziaria e patrimoniale, quale veicolata dal bilancio, ossia il principale strumento informativo nei rapporti fra la società e l’audience.

Si deve parlare più correttamente, pertanto, di rappresentazione veritiera: regola richiamata, in uno con il principio di chiarezza, nelle clausole generali che sovrintendono la disciplina regolativa della redazione di bilancio, all’art. 2423, comma II cod. civ., a cui va ad aggiungersi un generale principio di prudenza ex art. 2423 bis cod. civ..

Ma a quale verità ci si riferisce in riferimento ai giudizi estimativi?

Come si è già detto, non certo a un’alternativa vero/falso, bensì alla “corrispondenza tra enunciati e giudizi accurati e sorretti da adeguate conoscenze tecniche” [30], da misurarsi in termini di maggior aderenza delle stime ai dati della realtà sottostante.

Se questa gradazione era stabilita, nella formulazione del 2002, tramite l’apposizione di soglie di rilevanza, con la riforma del 2015 e la soppressione di queste, si è passati a parametrare l’entità della difformità – con l’ineliminabile elasticità – fra giudizio e realtà in base alle prescrizioni legali in materia contabile dettate dal codice civile (il c.d. “vero legale” [31]).

A supporto di tale lettura, lo stesso dettato normativo (art. 2423, comma IV cod. civ.) stabilisce la necessità a che si deroghi i criteri legali quando questi non assicurino una rappresentazione veritiera della situazione patrimoniale, economica e finanziaria della società.

Circa l’elemento soggettivo, è fuor di dubbio che mentre nella formulazione previgente fosse richiesto il dolo intenzionale e che, con riguardo agli aspetti valutativi, questi dovesse riguardare la falsità della valutazione e sia accertata la volontà di “trarre in inganno i soci o il pubblico” [32], una volta rimosso tale inciso e sostituitolo con l’avverbio “consapevolmente” [33], si ritiene ora sia richiesto il dolo specifico in riferimento “al fine di procurare per sé o per altri un ingiusto profitto” [34], per il quale assumono rilievo, dal punto di vista probatorio, i documenti di accompagnamento, dai quali potrà emergere o meno la volontà decettiva dell’organo redattore.

In conclusione, il tentativo di legare il destino del falso valutativo alla lettera della legge pare non solo scorretto dal punto di vista sistematico, ma persino pretestuoso, attesa da un lato la notoria decadenza della tecnica redazionale del legislatore, non più assumibile a fonte di cognizione certa e assoluta della ratio legis, dall’altro la manifesta irragionevolezza di escludere un aspetto tanto pregnante dal campo operativo del reato di falso in bilancio.

FILIPPO BALDUCCI

NOTE

  1. , Sez. V, Ord. 2 marzo 2016 n. 676, Pres. Vessichelli, Rel. Amatore, ric. Passarelli.
  2. Legge 27 maggio 2015, n. 69, Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio. Per una ricognizione generale, si vedano, inter alii MANES, La nuova disciplina della comunicazioni sociali, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 22 febbraio 2016 e A. ABBAGNANO TRIONE, Il nuovo volto delle false comunicazioni sociali, in Studium Juris, 2015, fasc. 11, pp. 1247 ss.
  3. M. GAMBARDELLA, Il “ritorno” del delitto di false comunicazioni sociali: tra fatti materiali rilevanti, fatti di lieve entità e fatti di particolare tenuità, in Cass. pen., fasc. 5, 2015, pp. 1737 ss.. Si veda anche A. PERINI, I ‘fatti materiali non rispondenti al vero’: harakiri del futuribile ‘falso in bilancio’? A proposito del ddl n. C-3008 (Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio) approvato dal Senato il 1 aprile 2015 e ora all’esame della Camera, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 27 Aprile 2015, pp. 3 ss..
  4. La stessa legge ha poi inserito identica formula per la disposizione di cui all’art. 2638, disciplinante il delitto di ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza.
  5. In tal senso A. MANNA, La riforma dei reati societari: dal pericolo al danno, in Foro it., 2002, V, p. 111, citato in A. DI AMATO, Falso in bilancio e valori congetturali, in Rivista di diritto dell’impresa, fasc. 2, 2010, II, p. 369.
  6. DI AMATO, Falso in bilancio…, cit., p. 369.
  7. Di diverso avviso P. GUALTIERI, Le nuove comunicazioni sociali: il punto di vista dell’economista aziendale, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 1 febbraio 2016
  8. In senso critico, A. PERINI, I ‘fatti materiali non rispondenti al vero’: harakiri del futuribile ‘falso in bilancio’?…, cit..
  9. LANZI, Falsi valutativi, legislazione e formante giurisprudenziale: politica criminale a confronto con la crisi della legalità, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 4 Marzo 2016
  10. GAMBARDELLA, Il “ritorno”…, cit., pp. 1737 ss..
  11. PERINI, I ‘fatti materiali non rispondenti al vero’: harakiri del futuribile ‘falso in bilancio’?…, cit..
  12. CONTI, Diritto penale commerciale, Torino, 1980, 221 e ss. e bibliografia ivi richiamata, citato in A. PERINI, I ‘fatti materiali non rispondenti al vero’: harakiri del futuribile ‘falso in bilancio’?…, cit., p. 4.
  13. GAMBARDELLA, Il “ritorno”…, cit., pp. 1739.
  14. GAMBARDELLA, Il “ritorno”…, cit., pp. 1740.
  15. Alle stesse conclusioni si era giunti anche vigente il sistema ante-riforma, A. DI AMATO, Falso in bilancio…, cit., p. 373.
  16. Cassazione, Sez. V, 30 luglio 2015, n. 33774, pres. Alberti, rel. Miccoli, imp. Crespi – 30 luglio 2015.
  17. Si veda, in tema, La relazione dell’Ufficio del Massimario sulla riformulazione delle false comunicazioni sociali. Relazione dell’Ufficio del Massimario della Corte di cassazione, n. V/003/15, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 30 Novembre 2015.
  18. M. N. MASULLO, Falso in bilancio e valutazioni punibili? Altri e non meno rilevanti interrogativi, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 1 febbraio 2016, pp. 4 ss..
  19. , Sez. V, sent. 12 novembre 2015 (dep. 12 gennaio 2016), n. 890
  20. In tema, F. MUCCIARELLI, Falso in bilancio e valutazioni: la legalità restaurata dalla Cassazione, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 18 Gennaio 2016
  21. Ibidem
  22. N. MASULLO, Falso in bilancio e valutazioni punibili? Altri e non meno rilevanti interrogativi, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 1 febbraio 2016, pp. 6 ss..
  23. Contra D’AVIRRO, Ancora a proposito di valutazioni e falso in bilancio, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 20 Novembre 2015
  24. Con rimando a Cass., Sez. V, sentenza del 30 novembre 1999, n. 1004; Cass., Sez. V, sentenza del 9 febbraio 1999, n. 3552; Cass., Sez. V, sentenza del 4 agosto 2015, n. 398543.
  25. , Sez. V, 8 gennaio 2016, n. 6916, ric. Banca X, commento a cura di M. SCOLETTA, Le parole sono importanti? Fatti materiali, false valutazioni di bilancio e limiti all’esegesi del giudice penale, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 2 marzo 2016.
  26. In tema F. MUCCIARELLI, Oltre un discusso ”ancorché” le Sezioni Unite dalle Corte di cassazione e la legalità dell’interpretazione: qualche nota. Nota a Cass., Sez. V, Ord. 2 marzo 2016 n. 676, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 16 Marzo 2016.
  27. GAMBARDELLA, Il “ritorno”…, cit., pp. 1741.
  28. DI AMATO, Falso in bilancio…, cit., p. 370.
  29. Così F. SGUBBI in tema di falso in prospetto, in F. SGUBBI, Il falso in prospetto, in F. SGUBBI, D. FONDAROLI, A. F. TRIPODI, Diritto penale del mercato finanziario, Cedam, II ed., 2013, p. 277.
  30. GAMBARDELLA, Il “ritorno”…, cit., pp. 1742.
  31. GAMBARDELLA, Il “ritorno”…, cit., pp. 1744. Analogamente, A. DI AMATO, Falso in bilancio…, cit., pp. 374 ss., che sostiene la necessità che, per eludere un’applicazione ottusa di tale criterio, si vada ad operare una ricognizione fra la rispondenza del parametro prescelto per dare il giudizio estimativo e l’esito di questo.
  32. Di tale opinione A. DI AMATO, Falso in bilancio…, cit., 379.
  33. , Sez. V, sent. 12 novembre 2015 (dep. 12 gennaio 2016), n. 890.
  34. , Sez. V, sent. 8 luglio 2015, n. 37570.

 

BIBLIOGRAFIA

  1. DI AMATO, Falso in bilancio e valori congetturali, in Rivista di diritto dell’impresa, fasc. 2, 2010, pp. 369 ss.
  2. SGUBBI, Il falso in prospetto, in F. SGUBBI, D. FONDAROLI, A. F. TRIPODI, Diritto penale del mercato finanziario, Cedam, II ed., 2013, pp. 277 ss.
  3. PERINI, I ‘fatti materiali non rispondenti al vero’: harakiri del futuribile ‘falso in bilancio’? A proposito del ddl n. C-3008 (Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio) approvato dal Senato il 1 aprile 2015 e ora all’esame della Camera, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 27 Aprile 2015
  4. MUCCIARELLI, Le ‘nuove’ false comunicazioni sociali: note in ordine sparso, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 18 Giugno 2015
  5. MUCCIARELLI, «Ancorché» superfluo, ancora un commento sparso sulle nuove false comunicazioni sociali, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 2 Luglio 2015
  6. Cassazione, Sez. V, 30 luglio 2015, n. 33774, pres. Alberti, rel. Miccoli, imp. Crespi – 30 luglio 2015
  7. D’AVIRRO, Ancora a proposito di valutazioni e falso in bilancio, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 20 Novembre 2015
  8. La relazione dell’Ufficio del Massimario sulla riformulazione delle false comunicazioni sociali. Relazione dell’Ufficio del Massimario della Corte di cassazione, n. V/003/15, dirittopenalecontemporaneo.it, 30 Novembre 2015
  9. GAMBARDELLA, Il “ritorno” del delitto di false comunicazioni sociali: tra fatti materiali rilevanti, fatti di lieve entità e fatti di particolare tenuità, in Cass. pen., fasc. 5, 2015, pp. 1723 ss.
  10. ABBAGNANO TRIONE, Il nuovo volto delle false comunicazioni sociali, in Studium Juris, 2015, fasc. 11, pp. 1247 ss.
  11. , Sez. V, sent. 12 novembre 2015 (dep. 12 gennaio 2016), n. 890
  12. MUCCIARELLI, Falso in bilancio e valutazioni: la legalità restaurata dalla Cassazione, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 18 Gennaio 2016
  13. SEMINARA, False comunicazioni sociali e false valutazioni: la sentenza n. 890 della Cassazione, in www.quotidianogiuridico.it, 18 gennaio 2016
  14. TUFANO, Il falso valutativo in bilancio alla luce del novato art. 2126 c.c.: Cassazione Penale 890 del 2016, www.easyius.it, 25 gennaio 2016
  15. GUALTIERI, Le nuove comunicazioni sociali: il punto di vista dell’economista aziendale, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 1 febbraio 2016
  16. N. MASULLO, Falso in bilancio e valutazioni punibili? Altri e non meno rilevanti
  17. interrogativi, dirittopenalecontemporaneo.it, 1 febbraio 2016
  18. STRAMPELLI, Sulla (persistente) rilevanza penale delle valutazioni di bilancio: appunti (interdisciplinari), www.dirittopenalecontemporaneo.it, 1 febbraio 2016
  19. False comunicazioni sociali e false valutazioni: la sentenza della Cassazione, Cassazione penale, sez. V, sentenza 12/01/2016 n° 890, in altalex.com, 19 febbraio 2016
  20. MANES, La nuova disciplina della comunicazioni sociali, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 22 febbraio 2016
  21. La Cassazione ci ripensa: le valutazioni sono escluse dal falso in bilancio, in ilsocietario.it, 23 febbraio 2016
  22. SCOLETTA, Le parole sono importanti? Fatti materiali, false valutazioni di bilancio e limiti all’esegesi del giudice penale, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 2 marzo 2016
  23. 2 marzo 2016 n. 676, Pres. Vessichelli, Rel. Amatore, ric. Passarelli, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 4 Marzo 2016
  24. LANZI, Falsi valutativi, legislazione e formante giurisprudenziale: politica criminale a confronto con la crisi della legalità, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 4 Marzo 2016
  25. MUCCIARELLI, Oltre un discusso ”ancorché” le Sezioni Unite dalle Corte di cassazione e la legalità dell’interpretazione: qualche nota. Nota a Cass., Sez. V, Ord. 2 marzo 2016 n. 676, www.dirittopenalecontemporaneo.it, 16 Marzo 2016
  26. , Sez. Un., c.c. 31 marzo 2016, Pres. Canzio, Rel. Fumo, Ric. Passarelli (informazione provvisoria), www.dirittopenalecontemporaneo.it, 1 Aprile 2016