PAS: Quando un genitore può essere nocivo

image_pdfimage_print
Foto da pixabay.com, licenza CC0
Foto da pixabay.com, licenza CC0

Il principio cardine del diritto di famiglia è il superiore interesse del minore il quale, innanzitutto, ha diritto ad una crescita equilibrata e serena garantita dalla presenza di entrambi i genitori.

La nozione di bigenitorialità  (o genitorialità  condivisa) è riscontrabile nella maggior parte degli ordinamenti europei, risultando per la prima volta ufficialmente riconosciuta con la Convenzione sui diritti dei fanciulli, sottoscritta a New York il 20 novembre 1989 e resa esecutiva in Italia con la Legge 176 del 1991.

L’ordinamento italiano ha introdotto suddetto concetto con la legge n. 54 del 2006 “Disposizioni in materia di separazione dei genitori ed affidamento condiviso dei figli” prevedendo mediante l’art. 337-ter c.c. che: “il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti e con I propri parenti di ciascun ramo genitoriale”.

Tuttavia, sono numerosi i casi in cui tale basilare principio viene minato da uno dei due genitori.

In certi casi, le condotte ostruzionistiche messe in atto da uno dei genitori possono essere di estrema gravità dando luogo ad un fenomeno conosciuto come “sindrome da alienazione genitoriale” (PAS, Parental Alienation Syndrome) o, più appropriatamente, “alienazione genitoriale”.

In via del tutto sommaria, può dirsi che il fenomeno consiste nella condotta persitente e duratura posta in essere da un genitore (generalemente quello che trascorre maggiore tempo con il minore, ovvero il convivente) al fine di allontanare psicologicamente ed affettivamente il figlio dall’altro genitore.

In altri termini, viene compiuta una violenza psicologica, un vero e proprio “lavaggio del cervello” al minore inducendogli una realtà  fantasiosa atta a demolire la figura dell’altro genitore.

Secondo il Tribunale di Milano, infatti, l’alienazione genitoriale configurerebbe un comportamento illecito per la cui concretizzazione sarebbe “sufficiente la colpa o la radice anche patologica delle condotte medesime” (Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 9-11.03.2017).

E’ bene premettere che la PAS non risulta unanimamente riconosciuta dalla scienza medica; da ciò ne consegue un contrastante riconoscimento anche in ambito giuridico.

Pur in mancanza di un’approvazione ufficiale di questo disturbo all’interno delle principali classificazioni mediche internazionali (in particolare, nella DSM-IV (Diagnostic and Statical Manual of Mental Disorders)), negli ultimi anni la PAS ha cominciato ad ottenere progressivamente maggior credito scientifico tanto da essere inclusa dalla Società  Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (la Sinpia) tra le possibili forme di abuso psicologico nei confronti del minore.

La prima descrizione del fenomeno fu compiuto nel 1985 dallo psichiatra statunitense Richard Gardner (GARDNER, Recent trendy in divorce and custode litigation, Academy Forum. A publication of the American Academy of Psychoanalysis, 1985).

Quest’ultimo sosteneva che la manifestazione principale della PAS consiste nel rifiuto immotivato del figlio a mantenere i rapporti con il genitore non affidatario, rifiuto accompagnato da una forte e non giustificata campagna di denigrazione. Tale campagna di denigrazione è il risultato di una programmazione diretta e indiretta del genitore alienante e del contributo attivo del bambino” (GARDNER, 2001).

In Italia si iniziò a trattare la tematica nel decennio successivo con il Prof. Avv. Guglielmo Gulotta secondo cui: “Questa sindrome può essere definita come il comportamento di uno di uno o più figli che nel contesto del conflitto intergenitoriale diventa ipercritico e denigratore nei confronti di uno dei genitori perché l’altro lo ha influenzato in questo senso indottrinandolo adeguatamente. Alcuni auturi (Clawar, Riwlin,1991) parlano anche di bambini programmati o ai quali è stato fatto il lavaggio del cervello (brainwashed children)” (GULOTTA, Quaderno 4 del Centro Nazionale di documentazione ed analisi sull’infanzia e l’adolescenza – Istituto degli innocenti di Firenze).

Al giorno d’oggi la PAS si presenta come un grave problema sociale e di salute pubblica coinvolgendo ogni anno migliaia di persone.

Proprio recentemente (il 24 marzo 2017) nell’ambito di un convegno scientifico tenutosi presso l’Università  di Genova è emerso come le vittime della PAS, oltre ai bambini, siano i padri nell’80% dei casi e per il 20% le madri (Prof. Camerini).

Tra i soggetti colpiti dal fenomeno non mancano neppure delle “vittime” illustri: non può non citarsi l’ecclatante vicenda di Woody Allen, noto attore e regista americano.

Nel 1992 la piccola Dylan (7 anni), figlia di Woody Allen, accusava il padre di averla molestata.

Le accuse avvenivano dopo che l’allora moglie di Allen, Mia Farrow, aveva scoperto la relazione con la maggiorenne Soon-Yi, figlia adottiva della Farrow e di un suo precedente marito.

Le indagini al riguardo rivelavano inconsistenze nelle deposizioni della ragazza tali da comportare, dopo un’indagine sommaria, l’archiviazione da parte del procuratore.

Tuttavia, in occasione della nomina di Allen agli Oscar del 2014 Dylan Farrow, divenuta donna di ventott’anni, ripropose le accuse con una lettera aperta al New York Times.

La storia venne nuovamente riesumata nel 2017 quando il figlio adottivo di Woody Allen, Moses, intervistato da Eric Lax (“Start to Finish: Woody Allen and the Art of Moviemaking”) riferiva che Mia Farrow aveva insegnato alla piccola Dylan ad accusare Woody Allen di abusi sessuali e di averlo manipolato per indurlo a confermare le accuse della sorella.

Da tale vivenda si evince che qualora il fenomeno non venga individuato e contrastato nelle sue fasi primordiali le probabilità di risoluzione della problematica diminuiscono notevolmente.

Per riuscire a decifrare quanto prima la problematica in esame, la letteruatura scientifoco-psicologica (Dott. Richard Gardner), all’esito di numerose osservazioni dell’interazione dei bambini con il genitore rifiutato, ha individuato quelli che vengono chiamati gli otto sintomi primari della sindrome:

solinas 1
Proprio sulla base di quanto fino ad ora esposto, la giurisprudenza di legittimità  si è espressa in ordine alla sindrome di alienazione genitoriale.

In particolare, la Corte di Cassazione nel 2016 escludeva la propria competenza in ordine alla validità delle teorie scientifiche sulla Pas prevedendola, al contrario, per quel che concerneva le ragioni dell’ostinato rifiuto di una figlia verso il padre per tutelare in maniera effettiva e concreta il diritto del minore sia alla bigenitorialità sia ad una sana crescita equilibrate (Cass. sent. 6919/2016). Nella stessa pronuncia la Suprema Corte sottolineava l’importanza del requisito dell’idoneità  genitoriale relativo alla capacità  di garantire la continuità delle relazioni parentali con l’altro genitore.

In questo senso, secondo la Corte il genitore che vive un rapporto simbiotico coi figli ha il dovere di agire attivamente al fine di preservare il rapporto parentale dell’altro con il figlio (Cass. Sent. 22744/2017): fondamentale, pertanto, risulta essere un reciproco comportamento attivo dei genitori finalizzato a mantenere (e, se possibile, coltivare) i rapporti del minore con l’altro genitore.

In questa prospettiva, sono individuabili diversi possibili rimedi per contrastare la PAS.

In primis, come già  emerso precedentemente, si ritiene necessario un piano di intervento immediato finalizzato a far cessare quanto prima i “sintomi” dell’alienazione genitoriale che sia fondato sui suggerimenti provenienti dal mondo “psi”.

Un celebre studio di Gardner dimostrò che ove vennero presi drastici provvedimenti (inversione dell’affido o limitazione della frequentazione del genitore alienante) fu ricontrata l’attenuazione dei disturbi psicologici nel 100% dei casi. Al contrario, peggioramenti si registrarono nel 90% dei casi ove non si attuò nessuna misura “V. Vezzetti, Il figlio di genitori separati, in Pediatria preventiva e sociale, 3-4, p.6″).

In questo senso si può citare la pronuncia del Tribunale di Bergamo, il quale optava per un inversione della residenza del minore a seguito del “conclamato ostruzionismo ai rapporti tra il bambino e il padre e per l’assenza nei riguardi dell’uomo di elementi che possano far dubitare della sua capacità  di far mantenere al figlio rapporti regolari con la madre” (Trib. Bergamo, I sez. civ., sent. n. 3101/2016).

In conformità, rilevanti richiami devono essere compiuti nei riguardi della soluzione individuata con decisione del 23/29 luglio 2015 del Tribunale di Cosenza con cui veniva previsto l’affido superesclusivo in favore del genitore alienato (Trib. Cosenza n. n. 778/2015). In predetta sede veniva, inoltre, previsto dall’Autorità giudiziaria un collocamento provvisorio semestrale dei piccoli presso una struttura specializata per permettere loro l’emancipazione dalla dipendenza psicologica del genitore alientante potendo, così, riacquisire gradualmente indipendenza di pensiero e riavvicinarsi al genitore alienato, riscoprendo e facendo riaffiorare i sentimenti sopiti per lui.

Opposto, invece, l’orientamento del Tribunale di Trani che, pur ammettendo la condotta alienante del padre (il rifiuto dei minori verso la madre era “arricchito dal disgusto e dalla violenza verbale”), tenuto conto delle particolari circostanze dello specifico nucleo familiare, divideva i fratelli, affidando i maschi al padre (il quale “si assumerà  tutte le responsabilità morali per il danno arrecato ai propri figli”) e la femmina alla madre, nonostante “il danno arrecato” dal padre ai propri figli (Trib. Trani, ordinanza n. 5149/2016).

Un ulteriore orientamento giurisprudenziale, per l’eventualità del persistere nelle condotte alienanti, ha invece previsto un provvedimento futuro di natura sanzionatoria nei riguardi del genitore alienante.

La Corte d’appello di Firenze, con decisione del 13 febbraio 2009 (su http://www.dibattitopubbl.uco7.com), prevedeva per i genitori un percorso di mediazione familiare volto al dialogo costruttivo sulle questioni relative al minore; inoltre, veniva demandato ai Servizi sociali territorialmente competenti l’onere di vigilare sull’attuazione delle modalità di frequentazione padre-figlia stabilite prendendo le opportune iniziative di carattere conciliativo e persuasivo e riferendo al tribunale ai fini dell’eventuale emissione di provvedimenti coercitivi da parte del medesimo giudice.

Sotto un profilo processuale, uno strumento efficace è rinvenibile nel ricorso all’articolo 709-ter c.p.c. finalizzato ad ottenere dei provvedimenti giudiziali immediati in ordine all’affidamento e all’allocazione del minore in caso di gravi violazioni delle modalità di esercizio della responsabilità genitoriale o dell’affidamento: in diverse situazioni, l’autorità giudiziaria ha applicato le misure dell’ammonizione e dell’ammenda di cui all’art. 709-ter c.p.c come nel caso del Tribunale di Roma del 24 giugno 2014 e del precedente caso del Tribunale di Messina del 25 Aprile 2007.

Recentemente, sempre il Tribunale di Roma si è espresso su questo tipo di controversia condannando una donna ad un risarcimento di 30.000 euro per avere messo in atto «una condotta genitoriale volta a ostacolare il funzionamento dell’affidamento condiviso con gli atteggiamenti sminuenti e denigratori della figura paterna» (Trib. Roma, sent. n. 18799/2016).

solinas 2

In conclusione, non possono non ricordarsi tre importantissime pronunce delle Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (Piazzi vs. Italia, CEDU 2.11.2010, ricorso n. 36168/09; Santilli vs. Italia, CEDU 17.12.2013, ricorso n. 51930/2010; Manuello e Nevi vs. Italia, CEDU 25.1.2015, ricorso n. 107/2010).

Tutti i procedimenti, infatti, si concludevano con la condanna dello Stato italiano per violazione dell’art. 8 CEDU a causa della lunghezza delle procedure e dell’inefficacia delle misure adottate per ripristinare i rispettivi rapporti tra i minori e i ricorrenti che erano stati messi nell’impossibilità di incontrare i figli/nipoti a causa delle condotte ostruzionistiche poste in atto dall’altro genitore.

Il concreto problema è l’effettiva capacità di riconoscere la sindrome nel più ristretto arco temporale permettendo ai vari soggetti interessati (Autorità giudiziaria, avvocati, assistenti sociali, psicoloci, psicoterapeuti, ecc.) un celere intervento multidisciplinare studiato per il singolo caso e concretizzato a mezzo del confronto delle diverse professionalità al fine di colmare, in breve tempo, le criticità esistenti.

Dott. ALESSIO SOLINAS

FONTI:

  • La sindrome da alienazione parentale. Lavaggio del cervello e programmazione dei figli in danno all’altro genitore”, 2015, Di Guglielmo Gulotta, Adele Cavedon, Moira, Giuffrè editore.
  • Alienazione genitoriale e sindrome da alienazione parentale (PAS)”, ,Di Marco Casonato,Marcello Adriano Mazzola, Editore Key.
  • GARDNER, “Recent trendy in divorce and custode litigation, Academy Forum. A publication of the American Academy of Psychoanalysis”, 1985;
  • GULOTTA, Quaderno 4 del Centro Nazionale di documentazione ed analisi sull’infanzia e l’adolescenza – Istituto degli innocenti di Firenze;
  • Vezzetti, Il figlio di genitori separati, in Pediatria preventiva e sociale, 3-4, p.6
  • “L’alienazione parentale: un illecito e un abuso”, Il fatto quotidiano, Avv. Marcello Adriano Mazzola, 28.3.2017.
  • N. 22744 del 20 settembre 2017.
  • sent. 6919/2016.
  • Milano, sez. IX civ., decreto 9-11.03.2017.
  • Bergamo, I sez. civ., sent. n. 3101/2016.
  • Roma, sent. n. 18799/2016.
  • Trani, ordinanza n. 5149/2016.
  • Piazzi vs. Italia, CEDU 2.11.2010, ricorso n. 36168/09.
  • Santilli vs. Italia, CEDU 17.12.2013, ricorso n. 51930/2010.
  • Manuello e Nevi vs. Italia, CEDU 25.1.2015, ricorso n. 107/2010.
  • file:///F:/nomodos/Sindrome%20alienazione%20parentale/Alienazione%20genitoriale%20accertata_%20affido%20esclusivo%20dei%20figli%20al%20padre,%20quando%20l’altro%20genitore%20è%20dannoso%20per%20la%20loro%20serena%20crescita.html
  • http://www.dibattitopubbl.uco7.com
  • http://www.centroantiviolenzabigenitoriale.com/2017/03/28/alienazione-parentale-commenta-lavvocato-mazzola-il-recente-decreto-del-tribunale-di-milano/
  • http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2017/10/01/figlio-scagiona-allen-e-colpa-di-mia_6e8520fb-639a-403d-ad18-d6a10cccb06e.html
  • https://www.nytimes.com/2017/09/29/