DIRITTO ALL’OBLIO E MOTORI DI RICERCA. PUBBLICAZIONE DELLA DOTT.SSA SILVIA MARTINELLI

Lunedì 4 dicembre si è tenuta presso il Campus Luigi Einaudi la presentazione del libro “Diritto all’oblio e motori di ricerca. Memoria e privacy nell’era digitale” della dott.ssa Silvia Martinelli, dottoranda presso l’università di Torino. Come già si evince dal titolo, il libro è un’analisi del problema dell’oblio nell’ambito digitale; …

Il 41-bis vivente: recenti provvedimenti

L’articolo a conclusione del filone di Diritto penitenziario affronterà due pronunce della Cassazione, rese nell’ottica di una maggiore umanizzazione della pena, anche quando si tratti di detenuti sottoposti al regime carcerario previsto dall’art. 41-bis dell’ordinamento penitenziario. Si pongono all’attenzione le sentenze della Corte di cassazione 27766/2017, su ricorso di Totò …

Il sistema normativo internazionale nel passaggio dalla comunità internazionale classica a quella moderna

È possibile definire l’ordinamento giuridico internazionale come quel complesso di norme e principi volti a fornire la cornice normativa entro la quale si sviluppano le relazioni fra i soggetti della comunità internazionale; norme e principi miranti ad agevolare la collaborazione fra tali soggetti e ad istituzionalizzare la composizione delle controversie …

Ancora sul 41-bis: osservazioni critiche sulla recente Circolare dipartimentale di riorganizzazione dell’istituto.

Qualsiasi riflessione relativa al c.d. carcere duro, il regime detentivo speciale di cui all’art. 41-bis della Legge sull’Ordinamento Penitenziario (n. 354/1975), non può prescindere dalla considerazione che si sta trattando, nello scrivere e prima ancora nel pensare, di una condizione estrema del vivere: pertanto, il distacco emotivo che impone – …

Brevi riflessioni sulla ratio e sulla qualificazione giuridica del cd. carcere duro

Con la morte di colui che era ancora considerato il capo di Cosa Nostra, Salvatore Riina, è tornato all’attenzione dell’opinione pubblica l’art. 41-bis dell’Ordinamento penitenziario, il quale prevede il cd. carcere duro. Tale regime carcerario si applica a singoli detenuti o internati per reati di particolare allarme sociale, segnatamente legati …

IL SISTEMA PENITENZIARIO ITALIANO ALLA PROVA DELLA CORTE: L’ITALIA DOPO LA SENTENZA TORREGGIANI

La questione relativa alle precarie condizioni di vita a cui sono costretti i detenuti in carcere non è un tema sconosciuto alla Corte di Strasburgo; tema che si è però evoluto notevolmente sia per quanto riguarda la definizione di “trattamenti inumani e degradanti”, ex articolo 3 CEDU, sia per quanto …

Un nuovo figlio non prevale sul testamento

La Cassazione si è espressa per la prima volta sulla revocabilità delle disposizioni a titolo particolare o universale in caso di sopravvenienza o scoperta di nuovi figli. La sentenza conferma definitivamente il costante orientamento della giurisprudenza di merito negando che la norma trovi applicazione nel caso in cui il testatore …

VERSO UN DIRITTO CIVILE DEI ROBOT? IL PARLAMENTO EUROPEO RISPONDE ALLE NUOVE SFIDE POSTE DALL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Lo scorso 16 febbraio il Parlamento Europeo ha adottato il testo della risoluzione 2015/2103 contenente anche una raccomandazione per la commissione sulle norme civili in tema di robotica (Commission on Civil Law Rules on Robotics). Il testo della risoluzione, dopo essere stato sottoposto alla revisione delle commissioni interessate dall’argomento, quali …