image_pdfimage_print

“Ubi lex voluit dixit, ubi noluit tacuit: delle problematiche della convivenza more uxorio”

Paolo e Francesca sono una coppia come tante: dopo essersi frequentati, ed aver trovato lavoro, hanno deciso di andare a vivere insieme. Per anni hanno scelto di mantenere questa situazione di mera convivenza senza convolare a nozze, per tutta una serie di motivi che non andremo ad indagare, fino a …

PAS: Quando un genitore può essere nocivo

Il principio cardine del diritto di famiglia è il superiore interesse del minore il quale, innanzitutto, ha diritto ad una crescita equilibrata e serena garantita dalla presenza di entrambi i genitori. La nozione di bigenitorialità  (o genitorialità  condivisa) è riscontrabile nella maggior parte degli ordinamenti europei, risultando per la prima …

Il revirement della S.C. sull’interpretazione del requisito dei “mezzi adeguati” per il riconoscimento del diritto all’assegno divorzile

(Nota a Cassazione civile, sez. I, 10 maggio 2017,  n. 11504) FATTI DI CAUSA In una causa per la dichiarazione di scioglimento del matrimonio contratto nel 1993, il Tribunale di Milano ha respinto la domanda di assegno divorzile proposta dalla moglie. Il giudice di secondo grado ha ribadito quanto deciso …

Separarsi e divorziare senza giudice?

Il convegno, dall’omonimo titolo, ha avuto ad oggetto la procedura di separazione e divorzio rispetto alla quale si è ampiamente discusso anche attraverso interessanti excursus storici e comparazioni con l’ordinamento giuridico francese ed inglese. La domanda iniziale che ha ispirato i relatori: “Separarsi e divorziare senza giudice?” ha permesso un’attenta …

Stepchild adoption e argomenti fuorvianti

La stepchild adoption è il punto forse più controverso dell’intero dibattito politico suscitato dal disegno di legge Cirinnà, approvato dal Senato il 25 Febbraio 2016 con modifiche (S.2081) e trasmesso all’altro ramo del Parlamento, sotto esame in commissione dal 9 Marzo 2016 (C.3634). A fronte di istanze sollevate dalla società …

Il ddl Cirinnà sulle unioni civili e le convivenze di fatto

L’ipocrisia del legislatore italiano in un testo normativo di compromesso che nasce già superato: meglio di niente? Introduzione: Il 25 febbraio 2016 il Senato della Repubblica ha approvato, in prima lettura, con 173 voti favorevoli e 71 contrari, il c.d. maxiemendamento governativo 1.10000, interamente sostitutivo del ddl n. 2081, c.d. …